12 // Loosing their skin // Perdono pelle

2 wp 300 1_giovanniasmundo

[ITA]
Perdono pelle
si sfoliano in lebbra
si sfaldano le ossa di tufo.

Leccati da secoli e gatti
indorati dal sole benigno
in chiaroscuro, composti invecchiavano.

Adesso dal collo di dama
crolla, slacciato, il monile.

[ENG]
Loosing their skin
scrubbing for leprosy
their tuff bones are crumbling.

Licked by centuries and cats
gilded by the gentle sun
in chiaroscuro, decorousely they got old.

Now from the lady’s neck
the pendant, unfastened, is falling.

Alla deriva per i vicoli di Palermo. A un tratto, in via Alloro, un raro palazzetto trecentesco con un loggiato chiaramontano ripartito da archeggiature bicrome, cieche e intrecciate, che racchiudono trifore con rilievi a bastonatura e oculi geometrizzanti. L’unica trifora parzialmente integra conserva perfino una colonnina originale.
L’occhio segue le partiture, i disegni di pietra sulla tela del prospetto, la mente vaga all’inseguimento di sogni, di là delle orbite vuote delle finestre.
Proseguire oltre, camminare. Dai loro granelli trarremo macerie, non certo rovine. Speriamo prima o poi in un restauro conservativo, non di ripristino.
Continuare a camminare, reimmergersi nel labirinto. Laggiù in fondo, il mare.

wp 300_2 giovanniasmundo

(photos G. Asmundo, Palazzo Cefalà, Palermo)

Annunci