89 // Sottoscirocco, di Antonio Devicienti

terravecchia di cuti g asmundo

In un giorno di schiacciante calura, serrati nella penombra di serrande di plastica, la mente a ben altre persiane socchiuse, raccogliendo dai davanzali la sabbia di scirocco in queste stanze di nostalgia e di casa, sono felice di ospitare così affini poesie da un periplo di Antonio Devicienti, Sottoscirocco, un canto sulla cui bellezza non serve aggiungere nulla.

 

SOTTOSCIROCCO

 

Punta Palascìa (Otranto)

Immagino          anticamente          i Salentini scendessero fino a qui, un cappello di piume di mare in testa e le Salentine capelli sciolti nel guizzo d’anitra mandarina

del vento.

Dicono          splendessero i loro piedi nudi e in migranza gli sguardi vedessero           le mura di Valona crestate di canto e poi la piana di Salonicco.

Cantavano.

Cantavano: me ddecisti:

Ha’ ‘scinnìre ‘nthra lu puzzu te li scursuni.

Ddha bbasciu t’hannu mmuzzicare l’anima.

Tenìvi ‘na pethra d’àuru ‘mmucca –

vvilenu te la vita ci nde ‘ccite1.

 

Alìmini

Mormoravano melancolia maravigliante mescolata a mandorle e miele mutando mutando il mare la morte montando (lei) montando. in migranza (essi) mestieri del mare masticavano memoria e mente e mieru 2 meditavano (essi) mettevano moti di marea mente e mano moti di mutazione mettevano tra il sé-mondo (essi) e il sé-nulla.

 

(Fata pu me fàtefse)3

‘mara l’acqua ci me ‘ttaccàu li peti cu nu bbegnu finc’a ttìe? ‘mara l’acqua persa ‘nthra la rena quant’ave ca te chiamu tìe nu rispunni ‘mar’acqua d’incantu ca canta muta ieu lu sacciu nu ssentu ‘mara l’acqua ci me chiudìu le ‘ricchie cu cira vvilenàta? ‘mara l’acqua ca si nu era ‘mara ieu la bbivìa ma forse ha d’essere ‘mara ‘mara l’acqua ‘sta maledizione d’amargura felicità ète ‘mara ‘mara ma disiata ma circata (l’acqua te la funtana è ‘mara ‘mara          ca si nu era ‘mara ieu me la bbivìa)

 

Uccelli di lago e di mare: forse gli uccelli marini sono più bruschi e distanti e mi piace questo loro amaro si sale, questa ruvida solitudine che, se nidifica, sceglie la scogliera, l’azzardata trama dell’inquietudine.

 

Punta Meliso (Santa Maria di Leuca)

Il sale splende scotendosi da sopra e da sotto se(di)menti di squallore e sale sino a splendenza severa (salsum sallentum) sino al sole sognante.

Davanti al mare di Leuca la Bianca m’accorgo:

le mani lazzariate te scrittura tegnu

la capu chiena de sintimenti tegnu

turnisi no nn’aggiu e no mme ne futte gnienzi4.

 

Entroterra griko

aspro (bianca) aspro lisàri (bianca pietra) ‘e lismonò ssena (non ti dimenticherò) lei i tàlassa (dice il mare) tti speranza mu pportéi (che speranza mi porti) navigandomi i sogni e le paure ti guardo grande θάλασσα (madre e ventre e movimento) ma si’ ppuru lu mare (ma sei anche il mare, padre e rompersi dei marosi e gorgo a risucchiare a morte ad annegamento) di due entrambe (vita e morte) tu sei di due entrambe.

 

Torre Sant’Emiliano

Basilio dalle due anime (la greca e la latina) sorveglia dal vertice di tufo e piume d’uccelli di passo cisterne d’acqua piovana scrive col coltello nel tufo la storia di marinai espatriati al di là della Luna dalla pelle di cannella e l’acqua l’acqua si solleva e s’abbassa se la Luna ruota ossessa di sogni.

Basilio speziale di nostalgie vede navi attraversare ed acque mescolare dialetti e colori ed assenze. Segnandosi la fronte con tre dita intinte d’acqua saluta l’alba e che sia dolce il giorno. Fraterno e dolce.

 

Cattedrale di Otranto

Le novene del libeccio          l’albero di Pantaleone          le mareggiate avventate sulla diga foranea

           i lenzuoli che asciugano sulle terrazze           un carme figurato tracciato per terra          la linea di galleggiamento delle mura aragonesi           due amanti e la finestra aperta sull’Estate          l’emozione dell’aria          una sapienza per immagini e immaginazione          una migrazione dislocante una migrazione nel sogno          le fornaci dello scirocco          il ruotare dei galli segnavento           il mosaico del nostro andare          il cerchio illuminato dell’orologio sulla torre

          del pesce e dell’acquario dire e del porto           l’andirivieni delle anitre mandarine           i nidi in cima alle torri aragonesi           il mosaico del nostro ricordare           curve di livello sopra muri inginocchiati innanzi all’alba           la malinconia dei palmizi in inverno

 

Dopo la libecciata

Erosi corrosi marosi

tronchi

vessàti lucidàti trasportàti

troncàglia e ramàglia sculture

del salino

córpora naufragate

dal martirio sopra l’arenile

giostrellato

di mare, di vento.

Relitti saporosi sabbia – da Oriente.

Contorti ritorti attorti

tronchi

morsi e rimorsi (sale!)

santi

d’icona scalpellàti a sangue

braccia di saltimbanco

verniciàti battelli di nomade

fasciame ora pietrame

che fu legno che è

spiaggiame ossame antico cordame

tra sponda e

sponda

reliquie làsciti disgiunte membra

bagnate asciugate prosciugate

di nuovo bagnate (il

salino!) spiaggiàti tronchi.

 

SUTTASCIROCCU ci nu sse scerra scinne scinne cu le caruse ddabbàsciu: ddhane o limbitari te la pineta: poi lu mare.

‘Mar’a ttìe marinaru ci lu sale sarvàticu manciasti. Caruse te tthruvara iddhe te lavara ma tìe? ma tìe nu parli nu dici parole comu de rena spierte.

Ccuardi. Lu mare la rena la pineta: ‘rreta la pineta o limbitari: poi ccene nu ccanusci.

‘N’àuthra fiata ccene nu ccanusci.

E ientu ientu ientu (SUTTASCIROCCU): ientu ci nu sse scerra –

comu mare ientu ci strascina memuriuse navi azàte ‘nthra ll’occhi te lu munnu cquài le lassa ‘nthra ‘stu portu

te verba.

La fenèscia ‘ncapu a lla muraglia àuta ccuàrdu e ddicu

: fane tthrasu

(serenata te sta’ pportu)

làssime tthrasu.

Se scangia l’acqua te la pagina / canti e ccunti ci te sta’ pportu5.

 

Referti dal Sottoscirocco

non so dire so che non so dire eppure sapendo di non saper dire dico a balbettii cercando ascolto

          i nidi dispersi sulla parete della scogliera continuano immemori ere di schiuse          è forse per questo che il dire pur non sapendo dire deve conservare per sé fermo l’istante invisibile  del dire disperso nell’immane non-tempo del mare          dire          nella fugacità e nell’abisso nell’indifferenza dell’onda e dello scoglio

*

Antonio Devicienti, di origine salentina, collabora con Samgha e con Zibaldoni (curato da Enrico De Vivo), col gruppo di lettura condivisa (Compitu re vivi di Sebastiano Aglieco) e fa parte della redazione della rivista online www.Perìgeion.wordpress.com; cura il blog personale www.vialepsius.wordpress.com.

*

photo G. Asmundo, parte inferiore di statua femminile da Terravecchia di Cuti, V sec. a.C., Museo Archeologico di Himera

Annunci