Archivio tag: città

296 // Dal silenzio alla riscrittura partecipata della città

di

  A un anno dalla deriva urbana “Roma città aperta. Liberare lo spazio”, ripresa in seguito in “Ricostruire la realtà. L’ascolto contro chiusure e censure”, pubblico oggi la terza parte della riflessione. Spazio… Continua a leggere

292 // Poesia della città diffusa, una domenica di fine 2019

di

. Un piano sequenza incantato; nel lasciarsi attraversare dalla bellezza di un unico linguaggio, nell’assorbire la realtà che nonostante tutto, positiva e poetica, ci circonda. Questa la piccola fiaba tangibile che oggi vi… Continua a leggere

217 // PORTOFRANCO 23 // Giovanna Menegùs. Ritratto di Milano

di

  Proseguiamo con un altro splendido contributo in grado di dosare delicatezza e vigore. L’articolo, proposto da Giovanna Menegùs, che ringrazio, è fortemente stimolante in termini di riflessione e di approccio dialogico allo… Continua a leggere

206 // Ricostruire la realtà. L’ascolto contro chiusure e censure

di

  (In foto: il serpente marino della Fontana dei Quattro Fiumi a piazza Navona, 2018)   Proseguo oggi con la seconda parte della riflessione iniziata nell’articolo precedente su Roma città aperta. Scelgo ancora… Continua a leggere

204 // Roma città aperta. Liberare lo spazio

di

  Trascrivo dal taccuino una “deriva urbana” che ho compiuto a Roma in ottobre, con una riflessione sulla percezione dello spazio e la necessità della sua apertura. «In quest’ultima Roma ho attraversato metà… Continua a leggere

195 // Milano “porto aperto”. Umanità, giostre e mercati

di

  Continuo pubblicando la seconda parte del reportage sperimentale e a ritroso, il racconto degli spazi e delle straordinarie umanità attraversate nel corso di una deriva urbana, appena conclusa, in una Milano aperta… Continua a leggere

193 // Nella città del nord, una domenica d’inizio 2019

di

  Inizio a pubblicare il reportage di una deriva urbana appena compiuta attraversando, negli ultimi tre giorni, una metropoli del nord, un nodo nevralgico d’Italia. Inizio il resoconto dal terzo giorno, ossia oggi,… Continua a leggere

187 // PORTOFRANCO 9 // Cristina Polli. Immagini d’acqua per un approdo all’oltre

di

  Una limpida scrittura in prosa e poesia di Cristina Polli che, seguendo il filo di metafore e metonimie d’acqua, dipinge narrazioni, luoghi, erranze, capacità dialogiche, decontestualizzazioni e approdi. Grazie a un’autrice che… Continua a leggere

164 // Periplo delle Repubbliche Marinare // Cap. 2 // L’Arno, Firenze, Pisa

di

> Cliccare qui per il capitolo precedente < *** Capitolo II 17.06.2018 Venezia e Mestre Sospinto dal grecale e dall’alba, attraverso lentamente Venezia a piedi e la laguna in tram, quindi il paesaggio… Continua a leggere

152 // “Retour de Beyrouth” (mails de Gianluca Asmundo à Yves Bergeret, janvier-février 2018)

di

Un mio racconto/reportage/corrispondenza sul Libano in francese, pubblicato dal poeta e artista Yves Bergeret, che ringrazio ancora. Il testo integrale del fotoracconto: Retour de Beyrouth (mails de Gianluca Asmundo à Yves Bergeret, janvier-février 2018)… Continua a leggere

122 // Foto di Peripli a “La città silente e i luoghi del silenzio”, Milano

di

Dopo l’evento del 27 giugno (QUI), troverete le due foto di Peripli selezionate anche nell’istallazione video della mostra “La città silente e i luoghi del silenzio”, con inaugurazione il 2 ottobre 2016 presso lo spazio… Continua a leggere

77 // Palermo e Babele. Il linguaggio e il senso dello spazio

di

  E quando avremo esaurito le parole, lo spazio? Quando avremo esaurito ogni barocca retorica, ogni discorso non verbale, ogni pensiero inghiottito? Quali sorti per quest’isola continente che è la Sicilia, per questa… Continua a leggere

73 // Dittico verticale: Palermo

di

Un dittico verticale per Palermo, città stratificata all’eccesso. Paleapoli e grembo di risorgive del Papireto, Galka del potere e fossa di povertà. Città dalle contraddizioni acerbe stratificata in ogni senso. E non si… Continua a leggere

14 // Il saluto dell’ignoto parolaio / The bye of the unknown windbag

di

[ITA] A metà. Un sentire rappreso. L’Eletta, all’ora dei vespri, Alloro alla Kalsa. Un confratello acceso da stop d’automobile. Una bimba curva e nascosta ride in cella dietro a un cassonetto. Questa città mi… Continua a leggere