Redazione e Contatti

REDAZIONE (2021) //

Scrivono attualmente sul blog: Giovanni Asmundo (dal 2013) e Lucia Guidorizzi (dal 2019).

Giovanni Luca Asmundo è nato a Palermo nel 1987 e vive a Venezia, dove svolge un Dottorato di ricerca presso l’Università IUAV su Danilo Dolci e ha collaborato a progetti di ricerca e didattica internazionale. Sue sillogi di poesia sono pubblicate in Trittico d’esordio a cura di Anna Maria Curci (Cofine, 2017), Stanze d’isola (Premio Felix 2016: Oèdipus, 2017) e Disattese. Coro di donne mediterranee (Versante Ripido, 2019). Una selezione di sue poesie è raccolta in Se i poeti s’incontrano (poeti d’origine siciliana di questi anni), a cura di Antonio Devicienti, allegato a La dimora del tempo sospeso (2019). Vincitore e finalista in diversi concorsi nazionali tra i quali il Premio di Poesia e Prosa Lorenzo Montano o il Premio Leterario Castelfiorentino, sue poesie e prose liriche sono inoltre pubblicate in antologie, riviste online/cartacee e blog letterari tra cui Poetarum Silva, Carte nel Vento, La poesia e lo spirito, Zest letteratura sostenibile, La foce e la sorgente (Perìgeion), La macchina sognante/The Dreaming Machine, Le stanze di carta, Le Voci della Luna, La Masnada, Prospektiva, Menabò. Promuove progetti, mostre, pubblicazioni e festival di scrittura e fotografia su temi quali migrazioni e dialogo, cura dei luoghi, riflessioni sul paesaggio e l’urbanità contemporanei, che raccoglie sul blog Peripli. (Maggiori info sulla pagina “About”).

Lucia Guidorizzi è nata a Padova e vive a Venezia. Laureata in Lettere, ha insegnato per molti anni alla scuola secondaria di secondo grado. Conduce seminari di scrittura ed ha recensito numerose opere di poeti contemporanei. Ha pubblicato con Editoria Universitaria i libri di poesie: “Confini” (2005), “Scandalose entropie” (2006),“Ibrida Hybris”(2007), “Quadrilunio. Una tetralogia dell’Anima.” (2009) e con Supernova “Milagros”(2011), “Nel paese dei castelli di sabbia” (2013), “Controcanto” (2015), “Pietra Esile” (2017), “Foreste e forestieri” (2019), “Quanto dista Finisterre?” (2020). Da molti anni fa parte della giuria del premio di poesia “Altino” Sue poesie sono inserite nelle antologie “Cuore di preda” Edizioni CFR 2012, “Il ricatto del pane”, Edizioni CFR 2013, “Sotto il cielo di Lampedusa” Rayuela 2014, “Fil Rouge” Edizioni CRF 2015. E’ presente con due racconti in “Venezia Xenithea. Storie di donne straniere a Venezia” Edizioni dell’Autrice 2019, a cura di Antonella Barina. Alcuni suoi testi sono presenti in “Landai. Poesie brevi per la libertà delle donne ”Neos Edizioni Poesia 2019, a cura di Vittoria Ravagli, Antonella Barina e Chicca Morone. È curatrice della rubrica LuciAllaluna online sulla letteratura ispanoamericana per il Progetto 7Lune e per Cartesensibili https://cartesensibili.wordpress.com della rubrica Sentieri Sognanti e dei Quaderni del Cammino. Collabora con la rivista online Amicando diretta da Enzo Santese e per Peripli – poesia, fotografia e memoria, a cura di Giovanni Asmundo, con la rubrica aperiodica Venti di scirocco. La sua voce è presente nella Poetry Sound Library curata da Giovanna Iorio.

 

CONTATTI //

Il blog Peripli // Post Scriptum è divenuto, negli anni, un fertile luogo di scambio e di condivisione.
Restiamo aperti ai vostri commenti, proposte di contributi o di collaborazione, letture.

Se desiderate contattarci via mail, saremo lieti di rispondervi.

e-mail: cantiereperipli@mail.com

.

Le nostre pagine:
Sito ufficiale del Cantiere Peripli: www.cantiereperipli.com
Facebook:   https://www.facebook.com/peripli
Twitter: https://twitter.com/cantiereperipli
Instagram: https://www.instagram.com/cantiereperipli

Radio Peripli Libera: https://www.spreaker.com/cantiereperipli

.

Giovanni Asmundo
e-mail: cantiereperipli@gmail.com
Architettura su Academia.edu: http://iuav.academia.edu/GiovanniAsmundo

.

.

.

Responsabilità e informativa

Peripli è un blog di scrittura, arti e attualità, aggiornato mediante contributi e rubriche del tutto aperiodici, con i tempi e i modi nati dalle esigenze del presente e dall’inventiva dei redattori e degli autori esterni che rispondano alle open call. Il blog non rappresenta una testata giornalistica (cfr. Cass., III sez. penale, sent. 23230/2012) e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 e norme collegate.
Si desidera ricordare a tutti gli effetti di legge che esso ha natura amatoriale e di ricerca, non produce alcun ricavo commerciale o utilità economica per gli autori e si basa sul loro generoso contributo volontario in termini di tempo, impegno e creatività.

Testi, foto, immagini e ogni altro materiale pubblicato sono utilizzati a scopo esclusivamente didattico, senza nessun fine di lucro, con scopi di divulgazione e di promozione della cultura e della persona. Essi restano di proprietà dei rispettivi Autori/titolari, normalmente indicati in calce all’articolo, in didascalia o comunque all’interno della pagina, alle condizioni di utilizzo eventualmente indicate caso per caso. In caso accidentale utilizzo non conforme, la redazione è a disposizione dei titolari dei diritti e delle licenze per la rimozione immediata (contatto: cantiereperipli@gmail.com).

Ove non altrimenti specificato, testi e contenuti multimediali sono sottoposti a copyright ai sensi art. 15 della Legge sul diritto d’autore (L. 633/1941) e succ. modificazioni e integrazioni.

I contenuti testuali e multimediali del blog possono essere liberamente citati, rebloggati o condivisi (senza scopo di lucro e nel rispetto reciproco), ma solo con l’indicazione corretta dell’autore e della fonte, rimandando tramite link al contenuto originale su Peripli. La redazione ringrazia anticipatamente chi nel farlo avrà il piacere di informarci, per spirito di condivisione in rete.

Esclusi i casi di articoli o comunicati “editoriali” o redazionali, la responsabilità di ogni articolo e del materiale in esso contenuto è del singolo redattore/collaboratore/autore esterno che lo ha realizzato o ha aderito inviando i propri materiali, e che ne risponde per intero e in via esclusiva, senza vincoli concorsuali o di solidarietà con Peripli o altri suoi redattori, in sede legale o in qualunque altra sede. Il responsabile della pubblicazione di ogni post è indicato normalmente sotto il titolo o in calce all’articolo. Nel caso di pubblicazione di materiali ricevuti da parte di autori esterni, la responsabilità di tali contenuti resta interamente a tali contributori esterni (sempre indicati) e non ai redattori che pubblicano il post (escluse naturalmente eventuali note di commento/introduzione/conclusione da parte dei redattori, a corredo dei testi/materiali dei contributori esterni).

Testi, immagini e ogni altro materiale multimediale contenuti, linkati o incorporati nei post restano di proprietà dei rispettivi Autori/titolari, alle condizioni di utilizzo eventualmente indicate caso per caso.
Ciascun redattore o autore esterno ha la responsabilità di accertarsi, prima della pubblicazione del post, della fruibilità e delle condizioni di utilizzo del materiale che intende inserire, nonché di indicare fonte e/o autore dello stesso. Peripli si impegna a cancellare materiali postati per errore o in violazione del copyright/licenza d’utilizzo qualora ne riceva fondata segnalazione, ma non risponde in alcun modo o in alcuna sede del loro utilizzo illecito, restando tale responsabilità esclusivamente in capo al redattore o dell’autore esterno che abbia fornito i materiali della pubblicazione illecita.

La responsabilità dei commenti agli articoli è esclusivamente dell’autore del singolo commento. La pubblicazione di un commento, anche a seguito della moderazione cui i commenti al sito siano sottoposti, non sottintende in alcun modo adesione ai suoi contenuti da parte della redazione.
La redazione rispetta la libertà d’espressione, così come i diritti dell’uomo e le libertà e i principi fondamentali della Costituzione. Contributi ricevuti o commenti contenenti ingiurie, diffamazioni, esplicita propaganda politica, non democratici, non rispettosi o ritenuti non idonei non verranno approvati o saranno rimossi, con riserva di renderli disponibili privatamente per la tutela della parte lesa.